Chi siamo

Casa Famiglia Betania di Maria ODV

La Casa Famiglia “Betania di Maria”, è un servizio residenziale caratterizzato dalla presenza di una coppia di coniugi che assume i ruoli genitoriali, assicurando una presenza continua eaffettiva a tempo pieno e dando a minori con difficoltà familiari e personali, la possibilità di accoglienza, (6 posti letto accreditati dalla Regione Lombardia) di cura e di relazione,.

Ai bambini, grazie all’istituto dell’affido, viene data la possibilità di vivereuna piena esperienza di vita familiare, rimanendo ospiti della Casa Famiglia, fino a che non si rendono adeguate le condizioni per il rientro nella famiglia d’origine.

In altri casi, l’itinerario dei bambini può ancherisolversi secondo modalità e prospettive diverse, definite dal Tribunale per i Minori.

Normalmente, la Casa Famiglia viene contattata dai Servizi Sociali, i quali le trasmettono una relazione sul caso del minore coinvolto, contenente gli elementi della sua storia personale ed il suo profilo psicologico, valutando, in relazione alle sue caratteristiche, l’eventuale idoneità del caso.

In caso affermativo,segue un incontro formale con i Servizi sociali,al fine di definire gli obiettivi generali, utili alla progettazione di un percorsopersonalizzato. Insieme alla eventuale risposta positiva riguardante l’inserimento, viene allegato l’impegno di spesa. 

La Casa Famigliainoltre, richiede copia della documentazione scolastica e medica del minore accolto.

Dopo un periodo di circa due mesi, in base alle valutazioni effettuate sul minore accolto, la Casa Famiglia collabora con il Servizio Sociale Affidatario, per redigere un Progetto Educativo personalizzato.

  • Obiettivo generale

L’obiettivo generale dell’intervento, è la tutela e la protezione del minore e dell’adolescente che si trovano in una situazione pericolosa o pregiudizievole per la loro sana crescita, nonché della promozione della loro educazione, formazione scolastica e/o professionale e il sano sviluppo, in tutte le dimensioni che compongono la globalità della persona.    

  • Obiettivi specifici

Vi sono poi una serie di obiettivi specifici:

  • Aiutare i Servizi Sociali ad avere una pronta risposta alle varie emergenze che possono presentarsi, nello svolgimento delle loro attività di tutela minorile.
  • Servizio di pronto intervento per i casi più urgenti.
  • Valutare la possibilità di recupero di relazioni genitoriali, sufficientemente sicure da consentire il rientro in famiglia.
  • Costruire percorsi di uscita dalla Casa Famiglia, conseguenti alla valutazione, prevedendo uno stretto accompagnamento.
La tua iscrizione non può essere convalidata.
La tua iscrizione è avvenuta correttamente.

CASA FAMIGLIA BETANIA DI MARIA ODV

Per iscriverti alla nostra newsletter inserisci i seguenti dati:

El campo SMS debe contener entre 6 y 19 cifras e incluir el prefijo del país sin «+» ni «0» delante (ej.: 34xxxxxxxxxxx para España)
?

La nostra storia

(raccontata dai fondatori: sposi Luca e Stefania)


Casa Famiglia Betania di Maria, è il risultato del nostro “sogno”.

Il Signore, ha allietato e rafforzato il nostro matrimonio con il dono di tre figlie. Abbiamo esercitato per diversi anni la professione di infermieri professionali presso strutture pubbliche e siamo anche provvisti di diploma di “responsabili di Comunità infantili”.

Durante il nostro cammino professionale e religioso, abbiamo sentito la forte esigenza di fare qualcosa per i tanti bambini che si trovavano in condizione di disagio, sofferenza e abbandono. 

Ci sarebbe piaciuto passare del tempo con loro, parlare con loro, per capire meglio il loro mondo, i loro desideri e i loro sogni. Desideravamo aiutare soprattutto i bambini che avevano affrontato abusi fisici e psichici da parte di persone antisociali, per aiutarli a scoprire che, pur in mezzo alle loro drammatiche situazioni, non avevano perso la loro infanzia. Cercavamo una risposta a questi difficili interrogativi, una soluzione per i loro problemi: volevamo contribuire, almeno in piccola parte, a mitigare e guarire i loro problemi e le loro sofferenze.

Ci rendevamo conto che il problema che volevamo affrontare era grande perché, in questa società dove emerge sempre più la disgregazione del sistema familiare, il dramma di questi bambini diventava più che attuale e drammatico.

Il nostro desiderio era quello di gestire una casa di accoglienza per questi bambini, per poterli aiutare a ritrovare la loro serenità perduta e accompagnarli nella loro crescita fino a diventare adulti sani, in grado di affrontare la vita.

Non sapevamo come realizzare questo nostro “sogno”: Cercavamo una risposta concreta, ma non sapevamo come fare, da dove iniziare.

Dopo un pellegrinaggio a Medjugorje, abbiamo capito che per cominciare a realizzare questo nostro progetto, era necessario fondare una Associazione di volontariato, che ci permettesse di dare concretezza alle nostre idee.

Ne abbiamo parlato con le nostre figlie, che approvarono decisamente il nostro progetto. 

E’ nata quindi l’organizzazione di volontariato : “Casa Famiglia Betania di Maria ODV”. 

Perché questo nome?

Betania, perché è il luogo dove Gesù amava andare per riposarsi ed incontrare i Suoi amici e anche noi volevamo che la nostra realtà fosse un luogo dove i bambini potessero far riposare il cuore e potessero sperimentare amore ed amicizia. 

Maria perché abbiamo affidato alla Madonna tutto il nostro progetto.

Mancava però la casa. Dopo alcune ricerche, la Provvidenza ci ha aiutato ad individuare un grosso immobile sito in Verolavecchia, un piccolo paese in provincia di Brescia: una vecchia casa degli anni ‘60. Era da restaurare, ma aveva tutti gli spazi necessari per accogliere una famiglia numerosa come quella che era nei nostri progetti.

Per adattarla alle nostre necessità, sono stati fatti parecchi lavori di ristrutturazione e adattamento, al fine di renderla adatta ad ospitare i bambini in sicurezza e tranquillità.

Nell’aprile del 2010 il progetto prese corpo: arrivarono le autorizzazioni che ci permettevano di partire. La Regione Lombardia, ci autorizzava all’accoglienza di sei minori. E’ cominciata così questa bella avventura, che ancora oggi, grazie a Dio, continua.

Siamo diventati una famiglia molto numerosa, che vive di quotidiane fatiche familiari, ma anche di tante gioie.

I nostri ragazzi frequentano le scuole pubbliche, l’oratorio, alcuni di loro praticano attività sportive e frequentano luoghi di gioco adatti a loro.

La Casa Famiglia provvede a tutte le esigenze dei minori che ospitiamo, facendo loro sperimentare il più possibile la dimensione di una vita regolare ed affettivamente importante, come quella di tanti altri ragazzi della loro età; senza ignorare, anzi sostenendoli nei loro momenti di crisi, di fatica e di dolore che comporta l’essere lontani dai propri genitori.

I bambini rimangono in Casa Famiglia fino a che non si rendono adeguate le condizioni per il rientro nella famiglia d’origine o, in altri casi, l’itinerario dei bambini può risolversi secondo altre modalità e prospettive definite dal Tribunale per i Minori, con la collaborazione dei Servizi Sociali.

Inoltre, secondo le necessità e le possibilità, la Casa Famiglia prevede anche attività di accoglienza temporanea per ragazze madri o gestanti in difficoltà.

La fonte di reddito, per gestire la casa, è rappresentata dai contributi che riceviamo dai Comuni, dalle donazioni di privati, dai donatori istituzionali e non.

La Provvidenza manifesta anche la sua attenzione nei nostri confronti, attraverso la donazione di vestiti e derrate alimentari.

Tanti bambini e bambine sono passati dalla Casa Famiglia. Alcuni sono tornati alle loro famiglie; altri, ormai maggiorenni, hanno fatto altre scelte, altri sono ancora con noi. Ma tutti, sono nel nostro cuore e vi rimarranno per sempre.

Il nostro “sogno” continua e ci auguriamo di poterlo realizzare ancora per molti anni, mettendo il nostro tempo a disposizione di tanti bambini, per aiutarli a trasformare la loro “infanzia negata” in “infanzia serena e ritrovata”.

Volontariato

Condividi il tuo tempo con noi – Volontariato per una buona causa!


Ti invitiamo a trascorrere il tempo libero con i nostri ragazzi. Puoi condividere con loro una battuta o una storia . Puoi cantare e ballare se hai voglia di farlo per loro. I nostri bimbi ti apprezzeranno sicuramente per le cose che fai per loro. Se conosci qualche abilità da insegnare, sei il benvenuto.
I nostri piccoli ospiti a loro volta condivideranno con te un piccolo tratto della loro vita.
Ti garantiamo che anche tu godrai del tempo che trascorri nella nostra casa. Siamo sicuri che non vedrai l’ora di tornare per trascorrere ancora il tuo tempo con loro.
Vi preghiamo di contattarci per informare della vostra venuta
 Carta Dei Valori Del Volontariato*
1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per la comunità di appartenenza o per l’umanità intera. Egli opera in modo libero e gratuito promuovendo risposte creative ed efficaci ai bisogni dei destinatari della propria azione o contribuendo alla realizzazione dei beni comuni.

2. I volontari esplicano la loro azione in forma individuale, in aggregazioni informali, in organizzazioni strutturate; pur attingendo, quanto a motivazioni, a radici culturali e/o religiose diverse, essi hanno in comune la passione per la causa degli esseri umani e per la costruzione di un mondo migliore.

3. Il volontariato è azione gratuita. La gratuità è l’elemento distintivo dell’agire volontario e lo rende originale rispetto ad altre componenti del terzo settore e ad altre forme di impegno civile. Ciò comporta assenza di guadagno economico, libertà da ogni forma di potere e rinuncia ai vantaggi diretti e indiretti. In questo modo diviene testimonianza credibile di libertà rispetto alle logiche dell’individualismo, dell’utilitarismo economico e rifiuta i modelli di società centrati esclusivamente sull’”avere” e sul consumismo. I volontari traggono dalla propria esperienza di dono motivi di arricchimento sul piano interiore e sul piano delle abilità relazionali.

4. Il volontariato è, in tutte le sue forme e manifestazioni, espressione del valore della relazione e della condivisione con l’altro. Al centro del suo agire ci sono le persone considerate nella loro dignità umana, nella loro integrità e nel contesto delle relazioni familiari, sociali e culturali in cui vivono. Pertanto considera ogni persona titolare di diritti di cittadinanza, promuove la conoscenza degli stessi e ne tutela l’esercizio concreto e consapevole, favorendo la partecipazione di tutti allo sviluppo civile della società.

5. Il volontariato è scuola di solidarietà in quanto concorre alla formazione dell’uomo solidale e di cittadini responsabili. Propone a tutti di farsi carico, ciascuno per le proprie competenze, tanto dei problemi locali quanto di quelli globali e, attraverso la partecipazione, di portare un contributo al cambiamento sociale. In tal modo il volontariato produce legami, beni relazionali, rapporti fiduciari e cooperazione tra soggetti e organizzazioni concorrendo ad accrescere e valorizzare il capitale sociale del contesto in cui opera.

6. Il volontariato è esperienza di solidarietà e pratica di sussidiarietà: opera per la crescita della comunità locale, nazionale e internazionale, per il sostegno dei suoi membri più deboli o in stato di disagio e per il superamento delle situazioni di degrado. Solidale è ogni azione che consente la fruizione dei diritti, la qualità della vita per tutti, il superamento di comportamenti discriminatori e di svantaggi di tipo economico e sociale, la valorizzazione delle culture, dell’ambiente e del territorio. Nel volontariato la solidarietà si fonda sulla giustizia.

*La Carta dei Valori del Volontariato nasce nel 2001 da una riflessione nazionale a cui hanno partecipato numerosissime organizzazioni, coadiuvate da esperti e studiosi

Come sostenere la casa famiglia

Economicamente

“Per mostrare grande amore per Dio e per il prossimo non dobbiamo fare grandi cose.
È quanto amore met
tiamo nel fare che rende la nostra offerta qualcosa di bello per Dio “.                                                                                                                                                                           (Madre Teresa)

Come puoi aiutare – Contribuisci con il denaro per una buona causa!
Abbiamo bisogno di soldi per gestire la Casa Famiglia. L’aumento dei prezzi è sempre continuo e le esigenze dei bimbi sono molte, la scuola, il cibo, i vestiti, la possibilità di praticare uno sport… .  Cè un divario crescente tra le esigenze e le risorse che abbiamo a portata di mano. La tua generosa donazione servirà per il benessere dei bambini .Ti invitiamo a donare generosamente per la nostra buona causa. Aiutateci a sostenere i bambini nelle loro fatiche .
In occasione del tuo compleanno, del giorno del matrimonio e di altre funzioni familiari, puoi contribuire come desideri

I sistemi di donazione sono i seguenti:

Bonifico Bancario diretto : 
Banca: Intesa San Paolo
Intestazione: Casa Famiglia Betania di Maria ODV

Codice IBAN: IT03 V030 6909 6061 0000 0012 275 

Codice BIC: BCITITMM

Causale : Donazione 

Carta di credito:
tramite il metodo sicuro Pay Pal :
 

Agevolazioni Fiscali per le donazioni in denaro ed in natura al terzo settore:

Con la Riforma del Terzo Settore e il Codice Unico Terzo Settore vengono introdotte una serie di  nuove regole che riguardano la fiscalità in favore di donatori di denaro e beni agli Enti di Terzo Settore (ETS).

È stato infatti stabilito che per le persone fisiche le donazioni in denaro e in natura sono detraibili al 30% fino a un tesso massimo pari a 30.000 euro per ciascun periodo di imposta. Tale limite si alza fino al 35% quando la donazione va a sostenere organizzazioni di volontariato. In alternativa le donazioni (sempre sia in denaro che in natura) sono deducibili fino al 10% del reddito complessivo dichiarato.

Allo stesso modo esistono vantaggi riservati a enti e aziende quando queste affetuino donazioni in denaro o natura deducibili fino al 10% del reddito complessivo dichiarato. A questo proposito viene eliminato il limite di 70.000 euro annui previsto dalla precedente normativa. Se la deduzione supera il reddito complessivo netto dichiarato l’eccedenza può essere dedotta fino al quarto periodo di imposta successivo.

Esistono quindi numerosi vantaggi per i donatori che possono usufruire di diverse modalità di risparmio fiscale, godono di una riduzione dell’impatto delle imposte sulle donazioni, riducono l’imponibile con la deduzione e direttamente l’imposta con la detrazione. Deduzioni e detrazioni possono essere vincolate a tetti massimi percentuali o assoluti.

Contatti

Teleono: 0309360877
Email: info@betaniadimaria.org
PEC: pec@pec.betaniadimaria.org
Indirizzo: Via Vittorio Veneto 29 -25029- Verolavecchia (BS)